Spargi l'amore
Sabina Guzzanti Malattia
Sabina Guzzanti Malattia

Sabina Guzzanti Malattia – Sabina Guzzanti, nata a Roma il 25 luglio 1963, è apparsa nella televisione italiana in diversi ruoli, tra cui quelli di imitatrice, cabarettista, cabarettista, attore, romanziere, conduttore televisivo e regista. la sorella maggiore di Corrado e Caterina Guzzanti e la pronipote del sismologo Corrado Luigi Guzzanti.

Ha frequentato il liceo Orazio di Roma per la maturità classica e poi si è diplomata in arte drammatica presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica nel 1985. Suo padre, Paolo Guzzanti, è stato al Parlamento italiano come deputato socialista per Forza Italia e poi Il Popolo della Libertà ed è stato anche giornalista.

Cose che succedono in TV

Il suo primo debutto televisivo è nel 1987, nella trasmissione di Rai 1 Profimamente non stop di Enzo Trapani. Nello stesso anno, ha recitato insieme a Maurizio Costanzo nella sitcom di Canale 5 Ovidio ed è apparso in Matrjoska di Italia 1, un rebranding ripulito del classico L’araba fenice di Antonio Ricci.

Negli anni ’90, Serena Dandini è diventata famosa grazie alle sue impressioni su politici come Massimo D’Alema e Silvio Berlusconi, nonché sulla porno star Moana Pozzi, in programmi satirici come The Girls’ TV e Scusate per l’interruzione e Tunnel e Avanzi mostrati. su Rai3.Nel 1995 Sabina Guzzanti partecipa al Festival di Sanremo presentando il brano Troppo sole con La Riserva Indiana,

un variegato gruppo di noti personaggi del mondo della televisione E politici come Sandro Curzi, Nichi Vendola, Mario Capanna, Antonio Ricci, Daria Bignardi, Remo Remotti, Ermete Realacci, Chicco Testa, Marco Giusti, David Riondino, Orsetta De Rossi, Paolo Pietrangeli e Bruno Voglino e Milo Manara.

La canzone, che arriva al numero diciotto su un totale di venti, prende il titolo dall’omonimo film interpretato da Guzzanti di Giuseppe Bertolucci. Continua a comparire in serie tra cui Pippo Chennedy Show, La Posta del Cuore e L’ottica nano, tutte in onda su Rai 2.Ritornata in televisione nel novembre 2003 con Raiot – Armi di distrazione di massa, lo ha fatto sulla sua vecchia rete, Rai 3.

Dopo la puntata pilota, Mediaset ha querelato la Guzzanti per “bugie e insinuazioni molto gravi”. La trasmissione è stata momentaneamente sospesa su richiesta dei vertici Rai. L’attrice Lucia Annunziata ha convocato una conferenza stampa per attirare l’attenzione sulla situazione, e ora sappiamo che il presidente della Rai Lucia Annunziata ha deciso di mantenere lo spettacolo in onda.

In risposta alle nuove condizioni necessarie , la società di produzione dello spettacolo ha dichiarato di non essere in grado di conformarsi. Il tribunale ha concluso che Mediaset non aveva fondamento per le sue affermazioni, nonostante la veridicità delle informazioni presentate. In particolare, “Rete 4 è illegale” si riferiva alla controversa legge Gasparri sul riordino delle reti televisive, e le frasi facevano anche fugaci riferimenti alla storia economica di Silvio Berlusconi.

Nonostante ciò, Guzzanti conobbe l’emarginazione e alla fine scelse di evitare la televisione in favore di altre forme di espressione artistica come il cinema e il teatro.Nel 2008, è apparsa come ospite a sorpresa nello show di Michele Santoro Annozero, dove ha offerto versioni aggiornate di alcune delle sue impressioni distintive. Nel 2012 la Guzzanti torna sul piccolo schermo con il suo programma su LA7 intitolato Un due tre stella.

Debutterà anche in televisione con il ritorno della sua rubrica satirica TGPorco sulla rete Urbano Cairo nel 2016, in concomitanza con la prima della nuova stagione di Piazzapulita. Nonostante il successo dello spettacolo fino a dicembre, l’inserto umoristico è stato cancellato a giugno.

Cinema

Nel film I camelli del 1988, diretto da Giuseppe Bertolucci, è stato il protagonista, mentre nel film Troppo sole del 1994 ha interpretato 14 personaggi diversi. E nel 1997, ha interpretato Monica in Cuba Libre, diretto da David Riondino. Ha diretto e recitato nel cortometraggio del 1998 Donna Savage. Di lei, Bimba – Una stella è clonata è stato il suo primo lungometraggio, distribuito da Medusa Film nel 2002.

Il suo documentario Viva Zapatero! ha ricevuto una standing ovation alla première del Festival del Cinema di Venezia del 2005, di cui ha anche ideato, sceneggiato e diretto il film. Questo film, che presenta il lavoro di comici satirici provenienti da tutta Italia e dall’Europa, è un successo critico ed economico e denuncia l’ambiente mediatico repressivo dell’Italia.

Nastro D’Argento per il miglior documentario e la 28esima edizione del Festival del Cinema Italiano di Villerupt sono stati assegnati al film dopo la sua première al Tribeca Film Festival, Sundance Film Festival e Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián nel 2006.Il suo secondo lungometraggio, Le ragioni dell’aragosta, è stato presentato in anteprima mondiale alla Mostra del cinema di Venezia del 2007.

Con l’uscita di Draquila – L’Italia che trema nel maggio del 2010, Sabina Guzzanti è tornata a vestire i panni di produttrice, autrice e regista. Dopo la proiezione fuori competizione del 13 maggioPresentato al Festival di Cannes del 2010, il film ha avuto buoni risultati al botteghino. Nel 2014 è tornato sul grande schermo con The Negotiation, presentato in anteprima alla 71esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Sabina Guzzanti Malattia

Il film si concentra principalmente sulle trattative tra il governo italiano e Cosa Nostra all’inizio degli anni ’90. Dopo la sua première in Parlamento il 14 novembre, il video ha ricevuto una seconda distribuzione in Italia su richiesta dei gruppi cittadini e delle scuole secondarie, come si legge in.

Internet

Ha debuttato con una nuova webserie satirica nel giugno 2015 con l’uscita del TG PORCO: informazione e vendetta. Guzzanti interpreta diversi personaggi in questa web serie per dimostrare lo stato dell’industria dell’informazione italiana da diverse prospettive. La giornalista dello studio Venezia Cartolani, la corrispondente di aggratis Mara Ventura,

la fluffologa Ezia De Mita, il sindacalista dell’ULA Zzazzetti e l’agente della CIA Madison erano solo alcuni dei personaggi ricorrenti apparsi durante le due stagioni dello show. Lucia Annunziata, Virginia Raggi, Daniela Santanchè, Giorgia Meloni e Debora Serracchiani sono tutte imitatrici di Maria Elena Boschi, Massimo D’Alema e Giorgia Meloni.

I primi otto episodi della prima stagione hanno visto i creatori dello show, lo stratega web Michele Maffei e i grafici Valentino De Petro e Gianni Laudati, sperimentare senza limiti. Il crowdfunding sulla produzione dal sito in basso ha raccolto quasi 21.000 euro in meno di 90 giorni, sufficienti a coprire i restanti 10 episodi della seconda stagione.

Il budget per la prima metà della stagione è stato fornito dal team Fan Page. Gli episodi erano disponibili su Youmedia e su tutti i social di Sabina Guzzanti. La terza stagione di Piazzapulita, programma televisivo ideato e condotto da Corrado Formigli, in onda su LA7.

La quarta stagione è stata pubblicata sui canali social dell’artista dopo aver ricevuto un finanziamento da una nuova produzione popolare per un totale di 10.000 euro. Più recentemente, nei mesi di ottobre e novembre 2017, L’Editoriale Il Fatto SpA ha debuttato con una serie televisiva web sulla piattaforma Loft.

Impegno normativo

Tana De Zulueta, Verdi e Guzzanti proposero una nuova legge che regolasse il sistema delle comunicazioni audiovisive e la concessione del servizio pubblico radiotelevisivo, e Guzzanti e Verdi furono forti sostenitori della raccolta delle firme di questa iniziativa.

La legge è composta da 10 sezioni con l’obiettivo generale di proteggere e promuovere la varietà dei media, compresi i riferimenti agli articoli 2, 3 e 21 della Costituzione italiana. Molte persone, tra cui leader del Partito dei Verdi, autori, politici e attivisti tra cui Enzo Biagi, Angela Finocchiaro, Dario Fo, Dacia Maraini, Alfonso Pecoraro Scanio, Giovanni Valentini e l’associazione Articolo 21, sostengono la proposta.

Protesta contro le politiche giudiziarie del governo Berlusconi IV con Marco Travaglio, Paolo Flores d’Arcais, Andrea Camilleri, Umberto Eco, Pancho Pardi, Antonio Di Pietro, Furio Colombo, Rita Borsellino, Beppe Grillo, Moni Ovadia, Ascanio Celestini e altri girotondi l’8 luglio 2008 in Piazza Navona.

Per quanto riguarda l’influenza della Chiesa cattolica in Italia, lei cita un articolo di un quotidiano argentino in cui si parla di un presunto scandalo sessuale che coinvolgerebbe il primo ministro Silvio Berlusconi e il suo ministro dell’Interno Mara Carfagna. La copertura mediatica dell’occasione è stata messa in ombra dalle polemiche causate dal suo uso di un linguaggio volgare.

Ha dichiarato pubblicamente la sua intenzione di votare per il partito SEL di Nichi Vendola alle elezioni politiche italiane del 2013.Nel suo documentario The Negotiation, presentato in anteprima in parlamento nel novembre 2014, lo vedeva elogiare il M5S come “l’unica opportunità di speranza in parlamento”. Ha dichiarato di voler votare per la lista di sinistra Potere al Popolo! alle elezioni legislative italiane del 2018. Questa alleanza si è formata dalla fusione di diversi collettivi di sinistra e organizzazioni extraparlamentari.

Nel 2002, scatenò una polemica quando prese in giro le opinioni della giornalista Oriana Fallaci sull’Islam e la guerra in Iraq e rispose con rabbia a un membro del pubblico Qualcuno ha gridato “vieni da te” durante l’evento. il cancro”, al che disse: “è già venuto a me, ed è venuto anche a te e a tua madre.La Fallaci rispose: “signorina, essendo una persona civile, prego che il cancro non venga mai a te”.

in reazione ad un articolo del TG5 di Enrico Mentana che dettagliava l’accaduto. Non ha quindi bisogno di quella storia per capire che il cancro è una malattia grave. Poi, ne La forza della ragione, la Fallaci definisce Guzzanti “un imitatore senza intelligenza e senza civiltà” e “un’oca crudele che mi impersona con l’elmo in testa e si fa beffe della mia malattia”.

Sabina Guzzanti Malattia
Sabina Guzzanti Malattia

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!