Spargi l'amore
Nico Mannion Malattia
Nico Mannion Malattia

Nico Mannion Malattia – Nico Mannion è tornato alla sua condizione precedente. Esaminatelo attentamente: composto, forte e soprattutto in ottime condizioni fisiche. Il talentuoso e apprezzato cestista, che aveva ottenuto importanti riconoscimenti nel basket italiano, ha impiegato due anni e mezzo per riapparire dopo essere scomparso e essersi perso tra Bologna e Vitoria. A quei tempi il basket italiano nutriva grandi aspettative verso questo giocatore, considerandolo una risorsa formidabile. Magro, scheletrico, malaticcio.

Nico Mannion ha contratto una malattia durante la sua permanenza a Tokyo.

Nico Mannion ha chiarito la sua assenza alla presentazione della Virtus Bologna 2021-2022 a Folgoria attraverso un post su Instagram del 27 agosto. Ha espresso il desiderio di essere presente insieme ai suoi compagni di squadra e ha indicato che sta facendo progressi e che li raggiungerà nel prossimo futuro. La società ha precisato che Nico ha avuto le conseguenze fisiologiche di un’infezione intestinale mentre gareggiava alle Olimpiadi di Tokyo, che lo ha provocato debilitante a seguito del torneo.

Nico Mannion ha subito una riduzione di peso di 10 chilogrammi.

La Virtus ha precisato che Mannion, che è alto 191 cm e pesa normalmente circa 86 kg, ha subito una riduzione di peso di circa 10-11 kg a causa del contagio. Inoltre, ha sperimentato una sostanziale riduzione della massa muscolare. A seguito di questi particolari problemi di salute, la Virtus è tornata sul mercato e ha ingaggiato con successo Ty-Shon Alexander. Il tecnico Sergio Scariolo ha esplicitamente dichiarato che Mannion mancherà dal campionato per un periodo prolungato.

Ristrutturazione

L’orario previsto è alle 20, e la sede è il PalaDozza. Stasera Nico Mannion farà la sua prima apparizione con la Virtus Bologna, nella partita contro l’Allianz Trieste di Franco Ciani. Il figlio di Pace visse un periodo di attesa insolitamente lungo, che sembrò prolungarsi fino all’inizio di novembre. Successivamente c’è stata un’impennata di velocità, che ha portato al successivo ritorno al terzo posto nella classifica del campionato.

Mannion ha trasmesso dati rilevanti alla Gazzetta dello Sport, in particolare a uno dei suoi collaboratori di spicco, Davide Chinellato. Ha espresso: “Ho iniziato a riscontrare sintomi di malattia all’inizio di giugno”. Ho contratto la salmonella, anche se inizialmente l’avevo diagnosticata erroneamente come un caso di normale intossicazione alimentare.

Ho riscontrato una riduzione del peso corporeo, un’eccessiva perdita di liquidi corporei, un esaurimento persistente e un intensificato bisogno di sonno. Prima di partire con la nazionale per la Serbia, è stato accertato che avevo contratto la salmonella. Tuttavia, ero nel bel mezzo del recupero. Durante il periodo preolimpico ho osservato un miglioramento del mio stato fisico, anche se non credo di aver mai superato l’80% del mio potenziale massimo.

A Tokyo la situazione è peggiorata quando un’altra epidemia di infezione intestinale è stata scatenata dalla Salmonella. Inoltre, le mie condizioni peggiorarono prima delle Olimpiadi poiché continuavo a perdere peso. Quando siamo arrivati ai quarti e abbiamo affrontato la Francia, avevo già perso 9-10 chilogrammi di peso. Ho comunicato a mio padre la mia incapacità di tollerare, ma lui è rimasto ignaro della situazione e l’ha erroneamente attribuita allo sforzo.

“Mi ha ordinato di impegnarmi al massimo e ho eseguito con il massimo livello di competenza che potevo raggiungere.” Attualmente, Mannion dovrebbe essere in fase di recupero poiché ha già riacquistato 4 dei chilogrammi persi. Si prevede che tornerà in palestra nel prossimo futuro e ricomincerà ad allenarsi con i suoi colleghi entro due o tre settimane.

Tuttavia, determinare l’ora esatta del suo ritorno in campo è impegnativo; dobbiamo innanzitutto osservare la risposta del suo corpo all’allenamento. Una figura che faceva la spola tra l’ospedale e la palestra, con un coinvolgimento minimo in campo. Il protagonista, che in precedenza era il personaggio principale, è stato progressivamente retrocesso a un ruolo secondario.

Arrivato a Varese a inizio anno, vive una riscossa immediata: segna 22 punti di media a partita e porta l’Openjobmetis a tre vittorie su cinque nel torneo. Sembra che il ragazzo che tre anni fa stupì gli esperti NBA giocando straordinariamente bene per i Golden State Warriors con Steph Curry, uno dei cinque migliori giocatori di basket a livello internazionale, ed elettrizzando la squadra nazionale con la sua agilità verso il canestro, sia tornato. All’età di 22 anni, ha molto tempo e opportunità che gli si prospettano. Inoltre, le sue esperienze servirono a migliorare la sua forza.

La terribile realtà che si trovò ad affrontare al suo ritorno a casa fu che riconobbero immediatamente la condizione e iniziarono le cure necessarie. Durante il viaggio per l’Italia ero in buona salute. Tuttavia, durante il volo, mi sono sentito nuovamente male e ho sofferto una sofferenza tremenda, che considero l’angoscia più intensa che abbia mai incontrato.

Nico Mannion Malattia

Dopo aver trascorso due giorni al motel, mi sono recato in ospedale dove sono rimasto per una durata di cinque giorni. Durante il mio ricovero in ospedale, sono stato continuamente agganciato a una flebo endovenosa per 24 ore ogni giorno. Quei mesi sono stati definiti dalla loro durata e dall’acuto disagio fisico che ho vissuto. Durante quel periodo sono riuscito a perdere quasi 20 chilogrammi di peso. Con il supporto dei professionisti medici e della Virtus ho recuperato di fatto la mia forma fisica.

Uno degli argomenti trattati prevede una sezione sulla vita a Bologna. Risiedo in center città aggiunge il testo e apprezzo molto la comodità di non dover utilizzare l’auto se non per esigenze di allenamento. Posso avere tutte le comodità necessarie a pochi passi”. Gli ammiratori mi intercettano, ma si astengono dal chiedere selfie o autografi; invece, si informano sul mio benessere e sul mio ritorno. Aspetto con impazienza il momento in cui mi vedranno esibirmi al massimo livello di eccellenza.

Niccolò Mannion, con incrollabile ottimismo, attende con ansia il suo ritorno sul campo da basket, indossando la maglia della Virtus Bologna. Il cestista, classe 2001, recentemente militato nella NBA, è ora pronto a debuttare dopo aver superato con successo un’infezione virale intestinale, che gli ha comportato un significativo periodo di recupero e un sostanziale dimagrimento. L’individuo originario di Siena ha rivelato la sua straziante esperienza e i periodi difficili degli ultimi mesi.

La fortunata conquista del mercato della Virtus Segafredo Bologna è stata raccontata dalla Gazzetta.Si tratta di quanto gli è accaduto. Quei mesi furono impegnativi, anche a causa di un’iniziale mancanza di consapevolezza da parte di Mannion sulla gravità del problema, peggiorata poi durante le Olimpiadi. Mannion ha dichiarato: “Ho iniziato ad avvertire i sintomi della malattia all’inizio di giugno”.

Ho contratto la salmonella, anche se inizialmente l’avevo erroneamente identificata come un caso di comune intossicazione alimentare. Ho sperimentato perdita di peso, disidratazione, stanchezza cronica e un aumento del desiderio di dormire. Prima della partenza con la nazionale per la Serbia si è scoperto che avevo contratto la salmonella. Tuttavia, ero in fase di recupero.

In aggiunta alla complessità, una successiva malattia intestinale, che lo ha reso incosciente, ha iniziato a provocare un rapido calo del suo peso corporeo: “La Salmonella aveva provocato un’altra infezione intestinale. Prima delle Olimpiadi, la situazione era peggiorata poiché ho subito una continua perdita di peso “In precedenza avevo subito una sconfitta per 9-10 contro la Francia.” Mannion, seguendo il consiglio di suo padre, ha continuato ad allenarsi, impegnandosi al massimo, nella speranza che questo potesse alleviare anche la sua ansia.

Purtroppo la situazione è peggiorata e il viaggio di ritorno è stato angosciante. “Anche se inizialmente mi sentivo bene prima di partire per l’Italia, ho sperimentato una recidiva di malattia sull’aereo, che ha provocato il dolore più intenso che abbia mai provato.” Dopo aver trascorso due giorni in albergo, mi sono recato in ospedale dove sono rimasto per cinque giorni. Durante il mio soggiorno, ho avuto una linea endovenosa collegata continuamente per 24 ore ogni giorno. Quei mesi sono stati definiti dalla loro durata e dall’acuto disagio fisico che ho vissuto. Durante quel periodo sono riuscito a perdere quasi 20 chilogrammi di peso.

Ma grazie all’impegno dei medici e dello staff della Virtus, tutte le esperienze negative sono ormai solo ricordi. Mannion ha mostrato il suo sorriso più accattivante durante la conferenza stampa, affermando: “Attualmente sono in condizioni eccellenti”. Provo un senso di benessere a Bologna e sono profondamente consapevole dell’adorazione da parte dei tifosi.

Esprimo la mia gratitudine a Baraldi, all’allenatore, a Ronci, all’equipe medica e a tutte quelle persone che mi hanno fornito supporto e assistenza. Sono felice di avere l’opportunità di giocare domani e ansioso di iniziare. Inizialmente il basket non era nei miei pensieri. Dopo che tutto si è concluso, ho ripreso a contemplare il basket.

Bologna, 22 ottobre 2021 – Leggendo la recente intervista al figlio dello stimato Pace, sono rimasto sorpreso nell’apprendere che lo staff di Italbasket era a conoscenza dell’infezione intestinale che stava colpendo Red Mamba. La questione è oggettivamente molto seria, non è possibile sottovalutare una patologia del genere in un giovane di 20 anni. È inaccettabile che il Dott. Senzameno, dottore dell’Italbasket, non abbia riconosciuto i deterioramenti della salute del ragazzo.

Dalla partita di Belgrado contro la Serbia a quella in cui fummo eliminati dalla Francia, è passato un mese e in questo periodo nessuno si è preoccupato di curare un paziente, ma solo di rendere idoneo e reclutabile un atleta. Rimani questo comportamento normale? Una volta risolto il problema medico, desideroso affrontare anche il problema “professionale”: come è possibile essere così negligenti nel non preservare il valore umano che una società compensa generosamente e che “presta” alla Nazionale,

Nico Mannion Malattia
Nico Mannion Malattia

By ZZ

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!