Spargi l'amore
Franco Duracell Morto
Franco Duracell Morto

Franco Duracell Morto – Aveva sessant’anni. È stato ricoverato all’Ospedale Civico dopo l’incidente in moto avvenuto a Bonagia il 22 aprile, ma non è sopravvissuto. Anche suo figlio è rimasto colpito dalla rissa. “Il sole è tramontato” è uno dei ricordi che gli amici hanno condiviso sui social.

Presumibilmente avevo rubato i suoi soldi, ha detto.

Pietro Modica, meglio conosciuto come Duracell, e Franco Gioia, entrambi palermitani, sono famosi per le loro interpretazioni “cantate” della canzone, che presentano rispettivamente la risata del gabbiano e il fischio penetrante. La coppia ha scelto di separarsi per problemi economici dopo essere diventata famosissima sui social. L’anno scorso furono invitati a Sanremo dal giornalista de “Le Iene” Nicolò De Devitiis per duettare con il protagonista del festival, cosa che permise loro di riconciliarsi.

Per quale motivo Franco Gioia e Duracell erano in disaccordo?

Che ne pensi di loro? Ribadiscilo per me. Seguendo la nostra scorta a Sanremo, sono diventati famosi su Internet con “Povero gabbiano” e siamo subito saliti su un aereo per l’Albania per rinnovare il loro sorriso. Dopo che Iena ha dato la notizia che “le cose sono cambiate”, ha indagato sull’origine dell’animosità tra Franco Gioia e Duracell. La Duracell ha annunciato: “Non si fida più di me” durante una rottura durata sette mesi. La sua storia è che gli ho rubato i soldi. Saresti interessato ad uscire la sera? “Mille euro per lui e mille per me”.

Secondo Duracell, non vuole essere uno scherzo sul loro “partner nel crimine”.

Davvero, come ha detto Franco Gioia: “Mi ha fatto tutto questo e non me lo meritavo”. Era sempre in movimento, ma non ho mai visto un centesimo. “Ma dove li prendi questi soldi?” Con rabbia, gli ho chiesto. Duracell ha dichiarato: “Dopo tre o quattro giorni, non ho più soldi”. Ha contestato, però, di aver deriso in quel momento il suo “compagno”.

Sapete dirmi cosa ho pagato con questi soldi? Bingo e tabacchi, con un massimo di cinque pacchi giornalieri. Uscivamo venti volte al mese, avevo un bellissimo paio di scarpe di Hermès e spendevamo dai duemila ai tremila euro per fare shopping.

“Ogni volta che ci incrociamo, volto deliberatamente le spalle.” Mario Cuoia

Anche i soldi di Franco Gioia sono finiti, ha ammesso. “Una parte è andata a giocare alle slot e al bingo, e una parte è andata a provvedere alla mia famiglia, in particolare ai miei figli e nipoti.” Il mio cuore era spezzato dal terribile comportamento di Franco, dal dominio su Duracell e dal tradimento. Tutti dovrebbero fare affidamento su prove indipendenti. Mi rifiuto di guardarlo ogni volta che ci incrociamo. “Io ricevo solo venti euro di ricompensa, mentre lui ha barche, yacht, piscine e un’auto nuova di zecca”, ha detto Franco Gioia. Allora, come è finito tutto?

Ne “Le Iene” il confronto che segue è una trappola

Con la scusa di un invito a una festa ospite, “Le Iene” li separarono prima di chiuderli nella stessa stanza. Il loro primo incontro faccia a faccia è stato ritardato di sette mesi. Ci fu un silenzio totale per circa trenta minuti.

Nicolò De Devitiis si impegnò così come mediatore e pacificatore. “Tutta Palermo lo sente dire da sette mesi che gli rubo i soldi”, ha detto Duracell. Erano venti euro quelli che mi offrì Franco Gioia dopo aver fatto lui stesso la pubblicità su Instagram; “troppi viaggi non mi convincevano”, ha detto.

“Ehi Nicolò, se ho pensato a tutto io, perché dovevo dirglielo? Mi scuso, ma sono l’unico che può gestire la pagina, e ehi – ha detto Duracell – abbiamo solo una Ferrari in deposito.La mia Ferrari è qui; non c’è motivo per cui non dovrei utilizzarlo. Vorrei potergli dare carburante, ma prima deve cambiare mentalità. “Vieni qui, useremo questa Ferrari”, ha detto ancora Franco Gioia. Gli innamorati, che si adoravano a vicenda, si abbracciarono appassionatamente.

Qualcuno è morto ieri dopo essere stato ricoverato in gravissime condizioni al Civico in seguito ad uno scontro avvenuto una decina di giorni fa su viale Regione. Non ebbe successo il sessantenne Franco Muliello, che si esibiva sotto lo pseudonimo di Franco Perry nella sua villa di Bolognetta e cantava nelle osterie palermitane.

Il 22 aprile, all’altezza del ponte Bonagia, un’auto e una moto con a bordo Muliello e il figlio 36enne sono rimasti coinvolti in un incidente sulla tangenziale. Mentre il padre sessantenne giaceva in coma a causa delle terribili ferite riportate, il figlio è stato portato d’urgenza al Policlinico con codice rosso. Dall’inizio della sua degenza in ospedale fino alla tragica fine, Muliello ha ricevuto un’enorme quantità di commenti di sostegno da parte delle persone sui social media.

Inoltre, ci sono stati numerosi post di altri che ricordano Franco Perry. Nelle parole di Maricetta Currieri “sarai l’angelo più bello e sorridente di tutto il paradiso”. Questo è stato annotato. Giacomo Terranova sottotitola un video del suo amico che esegue “Il sole si è spento” di Adriano Celentano con le parole: “Ti hanno spento il sole, fratello”.

Coloro che vorranno rendere omaggio a mio padre potranno farlo fino alle ore 9.30 circa di venerdì mattina presso l’obitorio dell’Ospedale Civico. La Messa si terrà venerdì alle 11:30 alle he Parrocchia di San Gaetano, che si trova in via Brancaccio 260 a Palermo. Dopo la messa riposerà nel cimitero di Santo Spirito-Sant’Orsola. Lo riferisce una lettera scritta dal figlio Nicolò, fisioterapista dello staff medico del Palermo Fc.

L’incertezza circonda Franco Gioia e Duracell. Sembra che la coppia palermitana stia attraversando un periodo difficile dopo aver fatto bella figura online e essersi guadagnata un posto al Festival di Sanremo con le Iene. L’unico posto in cui poteva essere integrato era TikTok, l’app che li ha resi famosi.

Ieri ho accusato Franco di essere un mercenario, ma ho deciso di cancellare il video perché volevo dargli un passaggio. Ma è ancora infelice e rifiuta di accettarmi. Piero Modica, detto Duracell, è il leggendario “fischiatore” del quartiere Zen.

Franco Duracell Morto

Questa è l’ultima cosa che voglio dire – dice con un bel gesto della mano – si è allontanato definitivamente e definitivamente da me. Per me il perdono è un’arte perduta. Certo, è ragionevole che pensi ai soldi.

E Duracell continua ad andare avanti: “Le cose che fai, ti lasci prendere in giro dalla gente, fai video con i soldi in mano.” Lo dice direttamente al suo ex socio in affari. Promuovi i video realizzati dalle persone che ti hanno finanziato senza dover mai rivendicarne la proprietà. Secondo consiglio: non avrai mai successo se continui a pensare al denaro come hai sempre fatto.

Il nostro rapporto e il nostro profilo sono stati completamente distrutti da te, Franco.Un viaggio dall’illuminismo alla fama virtuale: Franco Gioia, che con il suo richiamo del gabbiano e la sua voce acuta tendente al neomelodico ha conquistato il popolo del web, ha problemi a girare nel suo quartiere, mentre Piero Modica, meglio conosciuto come Duracell, ha un gran fischio e ha conquistato internet.

quando persone a caso scattano la loro foto e la condividono sui social media, generando una valanga di visualizzazioni. Essendo dei veri giocolieri, i due palermitani sono diventati famosi su Tik Tok e Le Iene, e le loro auto spesso suonano musica a tutto volume, accolgono gli estranei con il clacson e scattano foto.

Abbiamo parlato del calcio palermitano (soprattutto della passione di Piero Duracell per i rosanero), dell’apparente accumulo di spazzatura nelle periferie della città, e di Teresa Mannino, attrice comica palermitana, che condurrà il Festival di Sanremo.

Gli squallidi padiglioni dello Zen 2 e gli emissari dell’élite invitati dall’Ariston sono solo due dei tanti ambienti. Ti serve solo una piccola somma. Basta uno smartphone e un po’ di ottimo umorismo nazional-popolare. I social media si occuperanno di tutto il resto. Grazie alla frenesia mediatica che circonda Sanremo, due TikToker palermitani – Franco Gioia, 61 anni, e “Duracell”, nome d’arte di Pietro Modica, 31 anni – sono diventati celebrità di Internet non molto tempo dopo aver fatto il loro grande ingresso nelle sale e nel backstage del Festival.

I loro video sui social media hanno un vasto pubblico. Il canale TikTok gestito da “Duracellplus153” conta poco più di 100mila follower: Franco Gioia e Piero Modica, palermitani e amici più cari, vivono nel quartiere Zen, dove ogni giorno divertono online migliaia di persone. Video, meme e frasi improvvisate di Franco Gioia accompagnate dal fischio di Duracell: è il tipo di popolarità a cui si rivolgono le piattaforme di social media. Il suo inglese è piuttosto maccheronico.

Così popolare che li ha ispirati a scrivere e registrare la canzone “Sei un leggendario Duracell”. Il trapanese era un grande fan della canzone e per qualche giorno in piazza Ilio è stato affisso un dipinto con il titolo “Sei una leggenda” che raffigurava i due palermitani.

Chiunque può dire di essere stato l’autore di questo pezzo. Dalla nostra foto si vede che stamattina il governo ha provveduto a coprire l’enorme disegno, quindi è chiaro che la proposta non è piaciuta. Le Iene, Franco Gioia e Duracell hanno eseguito “Il gabbiano Povero” di Gianni Celeste prima della loro esibizione a Sanremo. Nonostante ciò, li hanno recentemente trasportati a Tirana tra risate e fischi.

Franco Duracell Morto
Franco Duracell Morto

By Zainab

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!