Spargi l'amore
Fidanzata Bergamini
Fidanzata Bergamini

Fidanzata Bergamini – Solo Isabella Internò, classe 1969, 54 anni, può dire di aver assistito a quel fatidico giorno del 18 novembre 1989. Nonostante il passare del tempo, rimane salda nel suo racconto e insiste nel portare avanti La ridicola tesi del suicidio di Denis Bergamini. Fino all’intervista finale a “Le Iene”. Tutti ora capiscono che è falso.

Denis e Isabella si sono incrociati per la prima volta nel 1985, non molto tempo dopo l’arrivo di Denis a Cosenza. Durante i tre anni di frequentazione, il giocatore si è recato regolarmente a casa della ragazza, nel quartiere Surdo di Rende. Erano poco più che ventenni. Hanno iniziato quando lei era una studentessa di contabilità e aveva appena 18 anni, mentre lui era ancora lontano dal compiere 23 anni.

Con le sue stesse parole, Isabella riconosce che la loro storia d’amore era travagliata e turbolenta. Nonostante le nostre differenze di carattere, Abbate e il sostituto procuratore avevano un legame genuino e affettuoso, spesso messo a dura prova dai disaccordi. Non potrei gestire la vita senza di lui, quindi anche se ci lasciassimo, torneremmo insieme ancora e ancora.

Il padre di Denis, Domizio Bergamini, citerà parola per parola Isabella in un’intervista a Carlo Petrini, autore di “Il calciatore che si suicidò”. Denis ha tenuto il segreto sulla sua relazione con quella ragazza, ma sapevamo che era lì. Qualcuno una volta mi aveva detto che era la fidanzata di Denis mentre eravamo allo stadio San Vito.

Ancora in attesa di un bambino nel 1987, Isabella…. “Donato mi ha chiesto di aiutarlo e la ragazza non aveva intenzione di portare avanti la gravidanza”, ricorda Donata Bergamini, sorella del calciatore. Lui e Isabella sono passati a casa mia e sono andata con loro dal mio ginecologo. Ha confermato che la gravidanza era giunta al quinto mese, momento in cui l’aborto sarebbe illegale secondo la legislazione.

Se il bambino fosse stato di Denis, non avrebbe avuto problemi a identificarlo. Tuttavia, Isabella ci ripensa e poche settimane dopo abortisce in una clinica di Londra, scortata dal giocatore. Non è chiaro nemmeno il motivo per cui, al quinto mese di gravidanza, abbia preso la decisione… La potevi sentire urlare e applaudire dagli spalti; lei era qui. Mi sembrava che fosse solo un’altra persona a caso.

Tuttavia, non ero un fan di questa narrazione… Sebbene fosse destinata ad avere un impatto, la relazione persistette tra alti e bassi fino alla primavera del 1989. Per quasi sei mesi, Isabella e Denis avevano evitato di comunicare tra loro. La ragazza dice che è stato Donato ad andarla a cercare, ma molti dicono il contrario.

Inoltre, ci sono molte prove riguardo alla determinazione di Isabella nel perseguire ancora una volta una relazione con Denis. Per non parlare della testimonianza della moglie del compagno di squadra di Denis, Maurizio Lucchetti, che ha testimoniato che la “mantide” di Surdo aveva detto al marito dieci giorni prima della morte di Bergamini: “Piuttosto che sapere di un altro, preferisco che muoia…”

Le registrazioni dalla segreteria telefonica aggiungono peso al caso. Ha scavato in profondità nel background delle sue due cugine, che chiaramente non erano destinate a essere dame. Come sottolinea Domizio Bergamini “tra loro non c’era un vero fidanzamento, non so se mio figlio fosse innamorato di lei: a volte stavano insieme e a volte no, era solo una ragazza…” .

Isabella è stata ricevuta dai parenti di Bergamini all’Agip Motel subito dopo il funerale. I suoi genitori l’hanno accompagnata. Secondo padre Domizio: “Mi ha fatto una brutta impressione”. La donna sembrava essere nevrotica, poiché si grattava ripetutamente la testa e insisteva di non essere responsabile della morte di Denis.

Quando ciò accadde, cominciai a sospettare che fosse stata lei stessa a farlo. era al telefono con me lunedì 13, ma continuava a parlare in modo robotico, come se non mi avesse sentito. Il suo massaggiatore, Giuseppe Maltese, la descrive come “l’opposto di Denis:” dice che aveva circa 18 anni, ma sullo schermo ne sembrava 30. Scivolava con la grazia di una sensale esperta… Fin dall’inizio non mi è piaciuta.

Fidanzata Bergamini

C’erano molte voci negative su questa ragazzina nella squadra, quindi forse è per questo che mi hanno insegnato a diffidare di lei. “Vedova Allegra” è stato il soprannome più generoso che le hanno conferito. Luciano Conte, agente di polizia, era l’unico uomo che potesse essere il “prescelto” e tra i parenti di Isabella le nozze tanto attese erano già in programma.

“Denis voleva sposarmi, internamente era una stalker”, rivela l’amante segreto sul caso Bergamini.

Un testimone fondamentale nel processo per l’omicidio di Denis Bergamini. Coloro che sostenevano Denis discutevano del suo legame con Isabella Internò, della sua ex-Partner “ufficiale” e unico imputato nel caso, sospettato di aver orchestrato l’omicidio come forma di punizione. Addendum: “Isabella lo ha perseguitato”, e la donna ha continuato dicendo che la Bergamini sembrava spaventata dalle sue esperienze.

Il giocatore l’ha informata nell’ultima conversazione telefonica, avvenuta due giorni prima della sua scomparsa, che qualcuno si era rifiutato di accettare la conclusione della loro storia con Isabella. L’indagine è iniziata con la lettura della lettera che Alleati inviò alla famiglia Bergamini nel novembre 1989, in cui descriveva la relazione.

Si diceva che Denis avrebbe voluto un figlio da lei quando si incontrarono nel 1983, prima ancora che lei arrivasse a Cosenza. Nel maggio del 1989 i due si sarebbero sposati. Uno dei giocatori più amati era quello del Cosenza, club che militava in Serie B sia allora che oggi. Per ragioni non spiegate, il giovane e la sua ex fidanzata si frequentavano la notte prima della sua scomparsa.

Lei aveva 19 anni e lui solo 27. Uno dei tanti punti bassi della loro relazione travagliata fu un aborto a Londra. Sulla statale 106 Jonica i due si sono fermati in una piazzola di sosta con l’auto del calciatore. Tragicamente, Bergamini è stato investito e ucciso da un camion poco dopo essere sceso dal veicolo; la sua morte è stata ufficialmente dichiarata un suicidio. Tuttavia, i parenti sospettavano da tempo che l’omicidio fosse stato insabbiato.

L’8 febbraio sarà il giorno della prossima udienza. Il calciatore del Cosentino Donato Denis Bergamini muore il 18 novembre 1989, nel comune di Roseto Capo Spulico, sulla Strada Statale 106. Affermando di riferirsi a Isabella Internò, ex fidanzata del calciatore accusato del suo omicidio, Roberta Alleati, l’infermiera e l’ultimo “amante segreto” del giocatore, ha fatto la confessione.

Questa mattina i giudici della Corte d’Assise di Cosenza hanno ascoltato il processo a carico di Roberta Alleati. Secondo Alleati, “è stato Denis a chiedermi di tenere segreta la nostra relazione, perché, mi ha detto, ‘farò sapere alla mia sposa solo il giorno delle nozze'”. Ciò significa che nessuno era a conoscenza della relazione tra Bergamini e Alleati fino a quando cominciò l’interrogatorio.

Denis e Roberta si sono conosciuti nel 1983, hanno fatto una breve vacanza insieme e poi si sono lasciati, secondo quello che sappiamo ora. Nello stesso periodo Bergamini sbarcò a Cosenza. Eccoci nel maggio del 1989, quando Bergamini si fece male e dovette tornare a casa. Anche se non avevamo discusso i dettagli, il testimone ha testimoniato che “mi ha chiesto di sposarlo” e che la coppia aveva intenzioni future.

Nonostante fosse il mio primo vero amore, desiderava poter tornare a casa. Il testimone ha fornito una vaga descrizione di essere “in un ristorante ed era l’agosto del 1989” quando gli è stato chiesto di spiegare il momento esatto della proposta di matrimonio, mentre i loro ricordi si facevano più confusi. Da allora hanno evitato il contatto visivo a favore di conversazioni telefoniche poco frequenti.

Ha poi raccontato di aver saputo della morte del fidanzato “dal Tg2, mentre era al lavoro” e di aver informato i genitori di Donato Bergamini del loro legame in una lettera scritta loro il 24 novembre 1989. Secondo Roberta Alleati , Denis era sconvolto due giorni prima di morire perché le aveva confidato di aver trovato l’amore dopo aver rotto con Isabella.

Mi ha assicurato che avrebbe risolto il problema, però, ed è tornato con calma. Le sue parole d’addio furono “Ti amo” e mi diede il benvenuto promettendomi di fissare un obiettivo specifico per me. Anche se Mario Panunzio è stato il primo soccorritore della tragedia di Roseto Capo Spulico del 18 novembre 1989, alcuni fino a poco tempo fa non sapevano nemmeno della sua esistenza.

Fidanzata Bergamini
Fidanzata Bergamini

By MH

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!