Spargi l'amore
Eta Carmen Lasorella Malattia
Eta Carmen Lasorella Malattia

Eta Carmen Lasorella Malattia – Carmen Lasorella, una rinomata giornalista italiana, è una stimata rappresentante della Rai dal 1987. Ha coraggiosamente riferito dalle zone di conflitto. Non è riuscita a tornare sui suoi schermi a causa del trauma subito dopo un terribile incidente avvenuto in una di queste occasioni.

La vita e i tempi di Carmen Lasorella

La 66enne Carmen Lasorella è nata il 28 febbraio 1955. La bellissima città italiana di Matera è la città natale della giornalista il cui nome completo è Mela. Ha condotto programmi televisivi in Italia e ha un background nel giornalismo. Ha frequentato l’Università La Sapienza di Roma e ha conseguito la laurea in Giurisprudenza.

Durante gli studi universitari aveva accennato alle sue potenzialità giornalistiche attraverso l’argomento della sua tesi di laurea, che trattava del diritto all’informazione e alla radiotelevisione in Italia e all’estero. Dopo gli studi universitari, ha iniziato subito la carriera giornalistica, collaborando con Il Globo e altre testate e partecipando a programmi radiofonici e televisivi come l’ANSA.

L’evento che cambia la vita di Carmen Lasorella e il momento esatto

La vita di Carmen Lasorella è cambiata e la sua carriera è stata interrotta da un terribile incidente. I terroristi attaccarono lei e il suo equipaggio nel 1995 mentre coprivano le missioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in Somalia. Appena saliti in carrozza, il teleoperatore Marcello Palmisano è stato ucciso da un ordigno esplosivo. Carmen Lasorella ha subito gravi ferite, che le hanno causato danni fisici e mentali. A causa del grave trauma subito, la giornalista ha deciso di lasciare il lavoro e di ritirarsi dalla televisione.

Carmen Lasorella, saluti! In cosa consiste la sua giornata tipo?

Carmen Lasorella ha continuato a impegnarsi in altre attività anche dopo essersi dimessa dalla giornalista. Dal 2008 al 2012 ho ricoperto il ruolo di direttore generale ed editoriale di San Marino RTV. Nel 2013 sei stato nominato presidente di RaiNet, la società che si occupa della gestione dei siti web della Rai. Nel 2017 hai prevalso nella causa contro la Rai per la tua interdizione professionale. Nel 2019 ti sei candidato nella lista civica per diventare presidente della Regione Basilicata, ma ti sei ritirato dalla corsa poco prima delle elezioni.

Informazioni di base

Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi sul diritto all’informazione e alle trasmissioni televisive e radiofoniche a livello mondiale. Radiocor, ANSA e il giornale culturale, politico ed economico Il Globo furono tra i suoi primi datori di lavoro. Hai iniziato a occuparti di dati politici ed economici nel 1979 prima di entrare in Rai nel 1987.

attacco

È diventata famosa come conduttrice del Tg2 delle 13.00. Il secondo telegiornale più seguito della rete Rai, da lei condotto alle 13, è stato il Tg2. Ha continuato per un decennio come corrispondente di guerra, assistendo all’imboscata somala del 1995 che uccise Marcello Palmisano.

È diventata famosa per la prima volta quando ha condotto il Tg2 alla giovane età di tredici anni. Per dieci anni corrispondente di guerra della seconda rete Rai, ha condotto il Tg2 delle 13, dopo essere sopravvissuta al terribile attentato del 1995 in Somalia che uccise Marcello Palmisano. Le zone di guerra che abbracciano l’Atlantico, l’Oceano Indiano e il Pacifico fanno tutte parte della descrizione del tuo lavoro di giornalista televisivo.

Dal 1999 al 2003 ha seguito per la Rai i Paesi dell’Est Europa dalla sede Rai di Berlino. Ha condotto e scritto anche per Raiuno e Raidue. Nata a Matera il 28 febbraio 1955, Carmen Lasorella è una giornalista e conduttrice televisiva italiana. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso la prestigiosa Università La Sapienza di Roma. Si è occupata di cultura, politica ed economia per Radiocor e ANSA, dopo aver iniziato la sua carriera al quotidiano politico Il Globo. È passato molto tempo da quando hai iniziato il tuo apprendistato; era il 1987 quando sei arrivato in Rai per la prima volta.

Qui le viene affidato il ruolo di conduttrice del Tg2, trasmissione seguitissima delle reti Rai che va in onda alle 13. Ha lavorato anche come corrispondente di guerra per un decennio. È sopravvissuta miracolosamente a un’imboscata avvenuta in Somalia nel 1995, mentre il suo collega Marcello Palmisano ha perso tragicamente la vita. La sua copertura dei conflitti nella regione MENA, Africa, America Latina e Asia è stata coerente nel corso degli anni.

Dalla sua nomina a responsabile delle relazioni esterne e vicedirettore della Rai nel 1996, firma programmi televisivi per Rai 1 e Rai 2. Numerosi i programmi e gli eventi qui citati: Polistrojka, Rinascimento—la fabbrica del futuro, Tg2 Dossier Night , Contro l’AIDS, Per l’Europa, I cliché, La sfida di Hong Kong, I laghi di sangue, PrimaDonna, Il sogno di Abramo e Visite a domicilio.

In precedenza aveva lavorato a Berlino dal 1999 al 2003 e dal 2008 al 2012 è stata direttore generale e redattore di RTV San Marino.Il 24 aprile 2013 Lei è stata ufficialmente nominata presidente di RaiNet. Fino al 2012 nessuno sapeva nulla delle privatezza del giornalista.ha mangiato la vita, il che è comprensibile dato il suo incrollabile impegno nella sua professione. Non a caso si è sposata con Giuseppe Falegnami nel 2012, quando aveva 57 anni. Sabaudia è stata la sede del rito. La coppia vive insieme una vita felice e amorevole nonostante non abbiano figli.

“La mia ‘bella presenza’, o il mio aspetto, mi ha aiutato”, dice Carmen Lasorella in tono disinvolto. Questo accadeva, ahimè, in un periodo in cui esistevano barriere sostanziali per le conduttrici televisive donne. Questo è particolarmente vero quando si tratta di giornaliste donne.

La maggior parte della popolazione lavorava in quelle industrie. Dopo aver letto “La TV degli idioti” di Giorgio Bocca, Carmen Lasorella l’ha presa sul personale. Bocca ha detto che la gente guardava le sue notizie solo perché era “con la poppa al vento”. Ciò è avvenuto dopo che Carmen si era affermata come personaggio televisivo grazie alle sue capacità innate.

Eta Carmen Lasorella Malattia

La rabbia la consumava. Avere un aspetto decente non significa necessariamente che manchi di competenza. “Mia moglie e mia figlia mi dicono che ho esagerato”, le scrisse in una nota premurosa. Hanno il mio pieno sostegno, in una certa misura. Niente è cambiato. Carmen ha presentato una richiesta formale di scuse. Il mese successivo venne alla luce qualcosa di lungo scritto da Bocca.

Che ne dici del titolo che si estende su tutta la pagina? Chiedo scusa al pubblico. La giornalista ha raccontato queste e altre storie della sua carriera in un’intervista al Corriere della Sera. L’inizio, il processo lungo e delicato, la gestione. Presentato in sessanta paesi, con interviste indimenticabili.

Una seconda storia altrettanto deliziosa emerge mentre ricorda il suo passato. È stata fortunata anche per via del suo cognome. Per il semplice motivo che Carmen ha fatto chiarezza ancora una volta sull’uso di una tattica audace e quasi infallibile ogni volta che desiderava comunicare con persone influenti. Ho gentilmente chiesto alla segreteria telefonica di passarmelo. Il mio nome è [nome della sorella]. È stata coinvolta in un unico incidente. Ma non dirà una parola su chi fosse il responsabile.

Sono qui raccolti i ricordi di un giornalista la cui opera ha lasciato un segno indelebile nel pubblico e negli annali televisivi italiani. Il fatto che provenisse da una famiglia povera non le ha impedito di frequentare adeguatamente la facoltà di giurisprudenza. La sede della Rai è in Basilicata, quindi le hanno chiesto di consegnare lì un premio letterario.

Ha anche ricevuto elogi per le sue eccezionali capacità di parlare in pubblico. Da quel momento in poi sarà lei a prendere il comando. I sentimenti di infatuazione possono andare in entrambe le direzioni. Collaborare con gli altri diventa la sua norma. Dopodiché, otto anni senza lavoro. Si può dire comunque che la sua figura “buca” lo schermo. Finalmente la svolta è arrivata: dal lavoro precario è passata a quella di conduttrice, entrando nella storia come prima giornalista Rai a riuscirci. Senza un accordo definitivo.

Fu durante questo periodo che vedemmo per la prima volta i campioni in televisione. Lasciate che vi parli di Tiziana Ferrario. Esiste un Gruber straordinariamente giovane. Che parenti siete voi due, mia cara Lilli? Il disprezzo reciproco non è mai stato un problema nella nostra relazione. Carmen Lasorella sostiene che la sua passione per la politica internazionale è iniziata in tenera età. Le preoccupazioni per il suo aspetto erano minori per lui.

Per dissipare ogni associazione con la sua professione, ha dichiarato: “Non mi truccavo, mi vestivo in modo casual, mi concentravo molto sulla specializzazione”. Verso la fine degli anni ’80 si presentò un’enorme opportunità. Improvvisamente di fronte a un ambiente ostile.

Questo è in riferimento alla missione “Golfo 1”. Dalla fine del conflitto durato otto anni, a metà agosto 1988, i cacciatori di mine italiani hanno lavorato instancabilmente per ripulire le acque tra Iran e Iraq dalle mine. All’interno della redazione c’era una sola figura. “Va bene, mi hanno informato; sei libero di andartene.”

Con questo incarico è avvenuto il primo contatto di un giornalista Rai con un teatro di crisi. La popolarità è aumentata. Poi, mentre documenta la fine della Somalia, registra un’intervista con Siad Barre tra falsi piani di volo e allarmi durante il viaggio verso una località nascosta. Mentre sfuggiva a un altro assalto al suo Land Cruiser il 9 febbraio 1995, vide l’operatore, Marcello Palmisano, morire davanti ai suoi occhi.

Eta Carmen Lasorella Malattia
Eta Carmen Lasorella Malattia

By Zainab

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!