Spargi l'amore
Claudio Scazzi Malattia
Claudio Scazzi Malattia

Claudio Scazzi Malattia – Il 26 agosto 2010 Sarah Scazzi, 15 anni, venne assassinata ad Avetrana, in provincia di Taranto. La madre di Sarah, Concetta Serrano Spagnolo, è apparsa come ospite al programma Rai Chi l’ha visto?, dove è stato dato l’annuncio in diretta del ritrovamento del corpo della vittima.

La Suprema Corte di Cassazione ha confermato le condanne all’ergastolo pronunciate in primo grado e in appello dalla Corte d’Assise di Taranto contro Sabrina Misseri e Cosima Serrano il 21 febbraio 2017 per concorso in omicidio volontario aggravato dalla premeditazione . Anche il padre di Sabrina, Michele Misseri, è stato giudicato colpevole e condannato all’ergastolo.

Il fratello di Michele, Carmine, ha ricevuto 4,5+11 mesi per il suo ruolo nell’insabbiamento dell’omicidio del marito di Sarah e del furto del suo cellulare, mentre Michele ha ricevuto 8 anni per il suo coinvolgimento nel delitto. L’ex avvocato di Sabrina Vito Russo Jr. e il coimputato Giuseppe Nigro hanno visto confermate dalla Corte Suprema le loro condanne a un anno e quattro mesi di carcere per favoreggiamento personale.

Tuttavia, dissipandosi

Sarah Scazzi è scomparsa il 26 agosto 2010. Aveva 15 anni ed era nata il 4 aprile 1995 a Busto Arsizio, in Italia. Era una studentessa del secondo anno della scuola alberghiera. Alle 14,30 la bambina lasciò la sua casa e si incamminò per un breve tratto fino a casa della cugina, dove avrebbe dovuto incontrare la cugina Sabrina Misseri e un’altra amica prima di recarsi in spiaggia.

La scomparsa ha ricevuto una copertura immediata e diffusa da parte dei media. La stampa non ha perso tempo a scavare nella vita privata di Sarah, esaminando i suoi diari, i post di Facebook e altri documenti personali alla ricerca di indizi sul motivo per cui la giovane era improvvisamente scomparsa.

Anche se la tecnica del rapimento è stata messa in dubbio, la madre, gli amici e la famiglia di Sarah, inclusa la cugina Sabrina, hanno tutti negato questa immagine e hanno continuato a sostenere la narrazione del suo rapimento. I media hanno dipinto Sarah come una giovane annoiata e repressa che frequentava online ragazzi di diversi anni più grandi di lei per organizzare la sua scomparsa in modo che potesse diventare famosa e lasciare la sua piccola comunità.

Un uomo aveva contattato Sarah su Facebook e inizialmente si pensava che fosse scappata o che fosse stata rapita . La madre di Sarah e altri membri della famiglia, inclusa la cugina Sabrina, sono stati intervistati dai media durante il culmine della caccia a Sarah a metà settembre ,che persiste per tutto il mese.

Infine, suo nonno materno Cosimo Serrano è morto il 17 settembre 2010, all’età di 89 anni. Maria Pantir, che si era presa cura dell’anziano padre, è tornata in Romania dopo la sua morte, sostenendo di non avere nulla da fare con la scomparsa della ragazza. Il 6 ottobre la donna rientra in Italia.Dopo essere stato smarrito per oltre un mese, il 29 settembre il telefono di Sarah è stato finalmente ritrovato.

Claudio Scazzi Malattia

Era in un campo vicino a casa sua ed era stato bruciato per metà. Lo zio di Sarah, Michele Misseri, venne rintracciato dopo che lui e la moglie Cosima Serrano avevano effettivamente accudito la ragazza scomparsa nella loro casa e la chiamavano terza figlia. Michele e Cosima erano compagni agricoltori ed emigranti in passato in Germania.

Una settimana dopo, il 6 ottobre, dopo essere stato interrogato per nove ore, Michele Misseri ammise di aver ucciso la nipote. Dopo aver raccontato alle autorità di averla uccisa per proteggersi da un tentativo di stupro, li condusse al pozzo di raccolta dell’acqua nella remota periferia di Avetrana noto come Contrada Mosca.Nel momento esatto del ritrovamento del corpo, la notizia fu riportata in diretta televisiva nella trasmissione Chi l’ha visto?. Sarah è stata tumulata il 9 ottobre accanto alla nonna materna nel cimitero comunale di Avetrana.

A seguito delle indagini

Prima di ammettere definitivamente, il 15 ottobre, che sua figlia Sabrina era coinvolta e che Sarah era stata uccisa durante un gioco sfociato in una lite, Michele Misseri ritrattò la sua storia e affermò di aver fatto più volte sogni erotici su di lei.Il giorno successivo, dopo essere stata interrogata per sei ore, Sabrina è stata arrestata con l’accusa di omicidio.

Quando Sabrina Misseri “è apparsa agitata” ed ha insistito sul fatto che la cugina era stata sicuramente rapita e che bisognava avvisare immediatamente i Carabinieri se fosse arrivata in ritardo all’appuntamento del 21 ottobre, il GIP di Taranto ha deciso di convalidare l’arresto sulla base di la testimonianza di Mariangela Spagnoletti.

La Procura inizialmente sospettava che la motivazione di Sabrina fosse l’invidia per il fatto che sua cugina Sarah riceveva tante attenzioni da Ivano Russo, uno chef di Avetrana per il quale Sabrina aveva una cotta.Ivano è diventato buon amico sia di Sarah che del suo amico Ivano dopo averli incontrati nel dicembre 2009. Il 3 agosto, dice Ivano, Sabrina ha espresso un interesse romantico per lui e sono andati ad un appuntamento, che lui ha interrotto bruscamente.ce non voleva che la loro amicizia diventasse più che platonica.

Sarah raccontò ad altri l’accaduto dopo averlo sentito dalla cugina Sabrina, e finalmente le voci e le calunnie arrivarono fino a Ivano. L’accusa sostiene che l’odio di Ivano per sua cugina Sarah sia stata la vera motivazione dell’omicidio e che abbia preso la decisione di troncare la sua relazione con Sabrina giorni prima che Sarah fosse uccisa.

Detti testimoni, però, confermavano solo che Sabrina aveva rimproverato Sarah, cosa che spiegò dicendo che la cugina di Sarah aveva manifestato pubblicamente e in modo troppo espansivo la sua ricerca di “coccole” da parte di Ivano, e che Sabrina temeva che ciò potesse alimentare pettegolezzi in paese.

I propositi omicidi di Sabrina nei confronti di Sarah erano alimentati sia dalla gelosia nei confronti di Sarah, con la quale Ivano manteneva rapporti cordiali, sia dal timore che la ‘cattiva’ reputazione di Sabrina si diffondesse nelle “congerie di sentimenti”, come le ha definite la Corte di Cassazione nella sentenza precedente processo.

Claudio Scazzi Malattia
Claudio Scazzi Malattia

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!