Spargi l'amore
Chiara Buratti Malattia
Chiara Buratti Malattia

Chiara Buratti Malattia – Massimo Cotto, giornalista, disc jockey e autore, è nato ad Asti, in Italia, il 20 maggio 1962. Figlio di un padre lavoratore e di una madre casalinga, Massimo Cotto è nato e cresciuto ad Asti. Fino all’età di 16 anni e quando andava in giro con gli amici mentre ascoltava un deejay descrivere Thunder Road di Bruce Springsteen , era figlio unico con un potenziale da star del basket. Il 4 giugno 2012 è stato nominato dal sindaco Fabrizio Brignolo assessore tecnico alla Cultura, Palio, Eventi e Pari Opportunità.

La sua carriera televisiva, iniziata il giorno prima con l’incontro con il direttore di una radio privata, si è poi ampliata fino a includere radio, televisione, giornali, libri, direzione artistica e persino politica. Nel 2006 si è sposato con la sua co-protagonista e amica di sempre Chiara Buratti, e Francesco Renga è stato il loro testimone.

Ha avuto un figlio, Francesco Danilo, il 14 febbraio 2007.Su richiesta di Roberto Vecchioni, nel 2014 assume per un breve periodo l’incarico di dirigente e addetto stampa . Esatto, è un vero tifoso azzurro del Torino. È apparso su Il Messaggero e ha contribuito a “Rock and Talk” di Virgin Radio insieme a Maurizio Faullisi e Antonello Piroso.

Radio

Nel 1983 debutta come dj nella sede Rai di Torino e per i successivi sette anni conduce il programma RaiStereoNotte.Ha condotto numerosi programmi su tutti e tre i canali di Radio Rai e ha trasmesso un’ampia gamma di eventi . nel corso di vent’anni, pur collaborando con altre emittenti .Francesco De Gregori lo scelse per esibirsi nella sala A di via Asiago l’11 marzo 2002, dopo anni di silenzio, e per essere intervistato da Cotto .

È stato direttore musicale di Rai Radio 1 e conduttore dell’emittente dal 1999 al 2003. Nonostante ci fossero alcuni noti musicisti che sostenevano Massimo Cotto, fu licenziato nonostante Piero Pelù avesse detto all’ANSA: “Radiouno senza Massimo Cotto è come la Fiorentina senza Antognoni, nonostante ciò. A partire dal 2003, ha ospitato Rond su Radio 24.

Più tardi nel decennio, ha ospitato No Man’s Land , I capitalisti e Capital Tribute su Radio Capital. È diventato conduttore di “Rock Bazar” di Virgin Radio nel marzo del 2012. Sia uno spettacolo teatrale con Cotto e Cristina Donà, sia una serie di libri sono in lavorazione per adattarli. lo spettacolo.

Televisione

Può parlare davanti a un pubblico e scrivere. Collaborando con Carlo Massarini nel 1988, è autore di dieci puntate monografiche speciali di “Sanremo International sul Festival di Sanremo. Nel 1990 lavora come giornalista e aiuto regista al primo numero di Rock Cafè . Dopo dieci anni di assenza durante i quali ha lavorato in radio, Paolo Giaccio lo chiama nel 2000 per condurre “Satisfaction” su RaiSat Show.

Nello stesso anno conduce insieme a Licia Col la trasmissione di Rai 3 “Caruso per San Giovanni a Teduccio”. Sulla sua vita è stata realizzata la puntata del 2003 de “La memoria di Hobo” nella serie “Racconti di vita” di Rai 3. Insieme a Claudio Baglioni e Guido Tognetti ha diretto il documentario Da Napoli a Bahia, da Genova a Bastia. dal porto di Salerno con Teresa De Sio.

Nel 2006 è stato autore di Maddalena Corvaglia nei programmi “Quasi Sanremo” e “La festa della musica .Nel 2008 ha fatto pubblicare un articolo a suo nome su Mara Maionchi, Scalo 76 .Nel 2010 ha sceneggiato il Festival di Sanremo e il Festival di Castrocaro .Come Piero Pelù, ha avuto un capitolo pubblicato su La Voce dell’Italia nel 2015.

La stagione 2016 di Vinyl Talk su Sky Atlantic e Sky Arte è stata caratterizzata dalle sue frequenti apparizioni come ospite. Da Piazza San Giovanni a Roma nel 2017 ha anticipato il Concerto del Primo Maggio con uno spettacolo di Raitre.A partire dal 2021 con lo speciale di Raidue sul Premio Tenco, torna a condurre attivamente. In precedenza era stato ospite o consulente in diversi programmi, soprattutto per Sky.

Coinvolgimento con i media

Oltre a sviluppare la sua carriera radiofonica, ha anche lavorato per espandere le sue attività giornalistiche. È nel 1984 il suo primo ingresso nello staff di Massimo Stefani all’Ilmuzzo Selvado. Dopo anni di esperienza su quotidiani e riviste , decide di intraprendere la carriera nelle pubbliche relazioni nel 1987. Come direttore di Rockstar, ha supervisionato la produzione di Rocksound, Groove e Punk.

Il processo di scrittura

Numerose le biografie ufficiali, tra cui quelle di Luciano Ligabue , Patty Pravo , Piero Pelù . Irene Grandi, Francesco Guccini Un altro giorno è passato” e “Allora indossavo un innocente parka”, Gi. Tra gli altri suoi lavori ricordiamo “Il grande libro del rock , “Leonard Cohen: Songs from a Room, “But the Sky Is Always Bluer,Le lacrime di Marley, “We Will Inchino, aspetta, A causa del suo successo economico in un genere che in precedenza si pensava avesse poco appeal, “Incontri” è spesso accreditato come il “padre” del libro-intervista.

https://youtu.be/pA9Jgqc6MEY
Chiara Buratti Malattia

Le conversazioni di Massimo Cotto” per Aliberti Editore , che consisteva in libri monografici di interviste a personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura. Tra i volumi pubblicati: “Urlando contro il cielo, “Qui non arrivano gli angeli, “Il grullo parlante, “Incontri col diavolo e l’acqua santa” , “Segni del tempo, “Zero a zero, Dove siete stati, nomadi? / 50 Interviste con i Rock Legendi / Tutti parlano.

Sia il “Dizionario del rock” di Curcio che il “Dizionario della canzone italiana” furono diretti rispettivamente da lui e da Riccardo Bertoncelli e Renzo Arbore. Non solo ha interpretato e commentato i testi di Jimi Hendrix: una chitarra del secolo , ma lo ha fatto anche per Tom Waits (per la prima volta in Italia, Bruce Springsteen, Bob Marley, Janis Joplin, i Grateful Dead e Michelle Shocked.Le serie più longeve di Sperling & Kupfer includono Supersound e Nuovi Ritmi, entrambe gestite da lui, insieme a Songbook di Arcana e Chewing Gum di Aliberti.

Nel 2003 ha pubblicato il suo primo romanzo, “Hobo, una vita fuori giri. Con un’introduzione di Giorgio Faletti e una postfazione di Fernanda Pivano, nel 2005 è uscito il suo secondo romanzo, “L’ultima volta che sono morti”. Nel 2007 è stata pubblicata la raccolta di racconti “Le notti gotiche”, con l’aiuto di Eraldo Baldini.

Ma in termini di produzione effettiva, la musica è il luogo in cui risiedono i suoi interessi. Tre articoli su Sette sono stati scritti da Antonio D’Orrico in onore di Paolo Conte nel 2015, in occasione della pubblicazione del suo libro “Fammi una questione riserva”. Il libro è una raccolta di interviste a Paolo Conte realizzate nel corso di trent’anni da persone provenienti da tutto il mondo.

Cotto ha pubblicato due libri nel 2016: “Tutta la terra del nostro silenzio”, trascrizione di un’approfondita intervista con la poetessa Alda Merini condotta nella sua casa sui Navigli, e “I il famoso blu impermeabile, una raccolta tributo a Leonard Cohen con interviste al musicista canadese condotte nell’arco di 25 anni.“Rock Therapy” è stato pubblicato inizialmente da Marsilio nel 2017; Universale Economica Feltrinelli lo ha ristampato nel 2020.

Definito da Gian Paolo Serino del Giornale come «un libro che unisce il genio ribelle del linguaggio di Lester Bangs al rigore di Raymond Carver»,Ad oggi ha scritto e fatto pubblicare tre libri: “Rock Live, “Decamerock, e “È andata così, l’autobiografia ufficiale del rocker di Correggio. Con interviste a 150 rock star, “Rock is the Answer è stato pubblicato insieme a “Once I Played in the New Trolls dalla stessa équipe nel 2021. Nel 2022 pubblicherà due opere: il suo romanzo “Il re della memoria” e il suo libro “Emozioni garantite”, scritto in collaborazione con Maurizio Vandelli.

Il 22 maggio 2023 “Il re della memoria è stato insignito del Premio Selezione Bancarella in riconoscimento del suo eccezionale merito letterario.Chiara Buratti, artista nata in provincia di Ferrara ma cresciuta ad Asti, vi si trasferì da bambina.Le apparizioni televisive includono “Occhio a quelle due, “Cosi fan tutte e la popolare opera seriale “Un Posto al sole”, oltre ad alcuni spot pubblicitari.

Ci sono però due eccezioni cinematografiche: ha avuto cameo in “Il Cuore Altrove” di Pupi Avati e “Veruska” di Lucio Pellegrini, entrambi girati sul grande schermo.Il teatro è stato il focus principale di Chiara Buratti, che ha preso parte a produzioni come “La zia di Carlo”, diretta da Lando Buzzanca , “All’ombra dell’ultimo sole”, andata in scena per tre stagioni al del Menotti di Milano, “E poi gli dir”, regia di Marco Falaguasta, con Nathalie Caldonazzo, “Antinomia del silenzio”,

regia di Tommaso Massimo Rotella, e “Ospite del cielo egiornalista che ha lavorato per quattro anni per Rai Educational, partecipando a trasmissioni come “Prendi la strada giusta, “Ora legale, “Expo 2015”, “Legalitag, “Per l’Emilia, e “Per l’Emilia”.Il suo lavoro include “Fivizzano Music World”, “Una casa per Rinoe due versioni del “Pistoia Blues”. Recentemente è stata ospite per sette serate al “September al Borgo” di Caserta Vecchia e ha cantato a “Donne In Canto”, serata di beneficenza al PalaBanco di Brescia per l’ANT,

Chiara Buratti Malattia
Chiara Buratti Malattia

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!