Spargi l'amore
Che Malattia Ha Vittorio Feltri
Che Malattia Ha Vittorio Feltri

Che Malattia Ha Vittorio Feltri – Il 25 giugno 1943, a Bergamo, in Italia, Vittorio Feltri entrò nel mondo come giornalista in erba, saggista, politico e critico.È stato caporedattore di diversi altri giornali prima di lanciare Libero nel 2000, tra cui L’Ineditore, L’Europeo e Il Giornale. Ha ottenuto il secondo maggior numero di voti nei primi tre scrutini alle elezioni presidenziali del 2015, e il terzo più voti al quarto scrutinio .

È stato eletto per rappresentare Milano nel Consiglio Comunale del 3-4 ottobre 2021 come leader di Fratelli d’Italia, ma ha dovuto dimettersi 7 mesi dopo per problemi di salute.Dal marzo 2023 è consigliere regionale della Regione Lombardia per Fratelli d’Italia.

Biografia

La sua permanenza presso L’Eco di Bergamo, iniziata nel 1962, lo ha visto recensire film per la pubblicazione. Dopo un processo di assunzione competitivo, la provincia della Columbia Britannica lo ha assunto più o meno nello stesso periodo e ora divide il suo tempo tra l’orfanotrofio IPAMI e il pagamento delle fatture delle strutture di salute mentale.

Decide di tornare al giornalismo mentre è in carica . Si trasferisce a Milano e inizia lo stage presso La Notte. Il 16 dicembre 1971 fece domanda per le credenziali stampa. Feltri approda al principale quotidiano sotto la guida di Piero Ottone dopo aver trascorso tre anni al Corriere d’Informazione con Gino Palumbo.

Nel 1981 e nel 1982 scrive per il settimanale italiano Prima Comunicazione con lo pseudonimo di Claudio Cavina . Feltri è solo uno dei tanti che hanno difeso Enzo Tortora, il famoso personaggio televisivo ingiustamente condannato per legami di camorra e spaccio di eroina nel 1983 . Nel 1983 divenne direttore di Bergamo-oggi, anche se dal 1984 al 1989, durante la direzione di Piero Ostellino, lavorò invece come inviato speciale del Corriere della Sera.

L’intervistato è l’ex giornalista toscano del Corriere che, nel 1974, fondò il suo quotidiano, il Giornale. Negli anni successivi Montanelli cessò ogni rapporto commerciale con i Via Solferino. Dopo essersi incontrati a questo incontro, Feltri e Montanelli andarono subito d’accordo . Dopo che nel 1988 il politico DC Ciriaco De Mita accusò il giornalista toscano di diffamazione , Feltri difese Montanelli sulle pagine del Corriere.

Vittorio Feltri nei suoi primi due anni da direttore raddoppiò i lettori del settimanale L’Europeo, passando da 78.000 a 130.000 . Sotto la direzione di Antonio Motta, il giornalista pubblicista ha prodotto un falso. Motta ha detto di essere un “agente di Carlo Alberto Dalla Chiesa” che si è infiltrato nelle Brigate Rosse e ha scoperto dettagli scioccanti sul rapimento di Aldo Moro. L’indagine pubblicizzata il 26 ottobre 1990 si rivelò del tutto fittizia.

Che Malattia Ha Vittorio Feltri

Feltri riassume così la situazione: “A questa storia si aggiungono misteri su misteri”. Ha sostituito Ricardo Franco Levi come direttore del fallimentare Independent nel 1992. Feltri ha rilanciato il giornale e lo ha trasformato in un successo finanziario facendo leva sullo scetticismo del pubblico sulla scia dell’inchiesta Mani Pulite.

Non si dovrebbe permettere che i ladri e gli estimatori dei criminali, gli avvoltoi delle garanzie, gettino nemmeno una piccola ombra sull’encomiabile e mai del tutto lodata attività dei Borrelli e dei Di Pietro, anche se un magistrato ha sbagliato o ha esagerato.

Ci fu gioia e festa quando fu firmato il primo avviso di garanzia contro Craxi. Di Pietro non si è tirato indietro nemmeno dopo essere stato criticato e minacciato da mezzo mondo politico . Non prendeva scorciatoie e non aveva alcun interesse a ricevere riconoscimenti per i suoi sforzi.

Il difetto fatale di Craxi fu quello di incolpare i complotti antisocialisti per la morte dei suoi colleghi che si suicidarono per la vergogna di essere stati smascherati. Giudice, semplicemente non è così. Il nome “Cinghialone” per Craxi è una sua invenzione. Poco più di 15 anni dopo, fece marcia indietro sulle sue affermazioni:

Intorno al 1992 ho incrociato Antonio Di Pietro e poche altre vesti. Ho dedicato alcuni dei miei pezzi più famosi a Bettino Craxi mentre ero all’Independent. E Bettino non avrebbe potuto fare nulla per non essere colpito. Non si sedeva né si nascondeva mai dietro nulla, anche quando era circondato da piccoli uomini che non si prendevano nemmeno la briga di togliersi la giacca da gangster e di fare di lui il manifesto della corruzione politica e del furto. Niente più ironia, indignazione o sarcasmo, per favore; il suo comportamento calmo è stato interpretato erroneamente come arroganza da parte mia.

Non potrei sbagliarmi di più a riguardo. Non potevo più scrivere con gioia dopo la “rivolta popolare” che colpì Bettino il 30 aprile 1993, davanti all’hotel Raphael vicino a Piazza Navona. L’Independent divenne nel 1993 il quotidiano in lingua inglese più letto in Italia, con una tiratura di oltre 120.000 copie.Ha diretto Il Giornale dal 1994 al 1997.

Nell’aprile del 1993, Feltri fece visita a Silvio Berlusconi nella sua casa di Arcore. L’uomo d’affari gli dà il controllo editoriale del giornale. Alla fine Feltri si convince che non avrebbe mai dovuto sostituire Indro Montanelli al Giornale e lo rassicura che all’Independent va tutto bene.

Dopo che Indro Montanelli si dimise dalla direzione del Giornale nel gennaio 1994, l’editore Paolo Berlusconi si avvicinò a Feltri e gli offrì il controllo del giornale. Le diffusioni del Giornale sono raddoppiate, passando da 130.000 a 250.000 nei quattro anni di Feltri . Feltri all’epoca curava una rubrica mensile su Panorama e collaborava con Il Foglio, testata diretta da Giuliano Ferrara, e con altri quotidiani nazionali come Il Messaggero e Il Gazzettino. .

Feltri ha ricevuto 35 denunce dal magistrato Antonio Di Pietro durante il suo periodo come caporedattore del Giornale. Nel tentativo di far archiviare il caso, la direzione del giornale ha raggiunto un accordo con il denunciante. Il 7 novembre 1997 Feltri scrisse in prima pagina una lettera diplomatica al magistrato,

nella quale prendeva atto della sentenza e ne esprimeva l’accettazione. Nello stesso numero viene pubblicata una decostruzione di due pagine di tutte le accuse mosse a Di Pietro. Un mese dopo la controversa notizia apparsa sul Giornale, Feltri si è dimesso dal suo incarico.

Che Malattia Ha Vittorio Feltri
Che Malattia Ha Vittorio Feltri

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco pubblicità!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando estensioni per bloccare gli annunci. Sostienici disabilitando il blocco degli annunci.

error: Il contenuto è protetto !!